Tassi fermi negli USA

In linea alle aspettative di mercato e analisti, al termine del Federal Open Market Committee la Federal Reserve ha optato per lasciare invariato il costo del denaro a 1,50/1,75%, livello cui era stato portato lo scorso marzo con una stretta di 25 punti base sui Fed Fund.

Nel corso del 2017 si è assistito a tre rialzi dei tassi nei mesi di marzo, giugno, dicembre.

Annunci

La crescita degli Stati Uniti

Si potrebbe dire “Missione compiuta per Janet”, considerando che, da quando Yellen ha preso le redini della Fed, ovvero dal 3 febbraio del 2014, lo S&P è balzato del 61%, l’oro e il dollaro sono saliti del 7% circa, e i bond sono scesi del 4%.
Eppure, l’addio di Janet Yellen arriva in contemporanea con l’allarme di un altro ex presidente della Fed: Alan Greenspan. Secondo Greenspan gli Stati Uniti rischiano una Nuova Recessione.

8388D24A-8AFC-4FAA-804C-22336BFCEBBE

Numeri Verdi per le Aziende

Tra i vari e diversi comparti aziendali le Compagnie Assicurative anche hanno dei numeri verdi, basti pensare che le assicurazioni possono anche vedersi chiamare per sinistri e affini e fornire un servizio gratuito per chi chiama è importante.

In questo post vedremo come chiunque possa attivare un Numero Verde gratuito per l’utenza o la clientela focalizzando maggiormente l’attenzione però sulle Compagnie Assicurative più conosciute.

 

Le Compagnie Assicurative e i Numeri Verdi

A seguire un elenco di compagnie assicurative famose e note che hanno attivato per i clienti o per i potenziali clienti un numero verde apposito a ricevere richieste e a comunicare questioni rilevanti:

1): Compagnia assicurativa Europe Assistance: 803 803 questo è un numero verde dedicato all’assistenza clienti

2): Compagnia assicurativa Allianz Lloyd Adriatico: 800 68 68 68 questo è un numero verde dedicato all’assistenza clienti, Allianz ha anche un secondo numero verde, quello dedicato alle emergenze: 800 68 68 68

3): Compagnia assicurativa Allianz Ras: 800 68 68 68  questo è un numero verde dedicato all’assistenza clienti

4): Compagnia assicurativa Cattolica Assicurazioni: 800 57 53 53  questo è un numero verde dedicato all’assistenza clienti

5): Compagnia assicurativa Alleanza Toro Spa: 800 056 650 questo è un numero Verde dedicato all’assistenza clienti

6): Compagnia assicurativa Intesa San Paolo: 848 124 124 questo è un numero verde dedicato all’assistenza clienti e San Paolo ha anche un ulteriore numero verde, dedicato in questo caso all’assistenza sinistri: 800 188 828

7): Compagnia assicurativa Linear: 800 992 222  questo è un numero verde dedicato all’assistenza clienti poi vi è il secondo numero verde della compagnia dedicato all’assistenza sinistri: 800 321 321

8): Compagnia assicurativa Genertel: 800 880 880  questo è un numero verde dedicato all’assistenza clienti, in più anche un numero verde differente dedicato all’assistenza sinistri: 800 202 040

9): Compagnia assicurativa Reale Mutua Assicurazioni: 800 320 320  questo è un numero verde dedicato all’assistenza clienti e quello successivo è dedicato all’assistenza sinistri: 800 320 320

10): Compagnia assicurativa Zurich Connect: 848 580 399  questo è un numero verde dedicato all’assistenza clienti, inoltre vi è per questa compagnia, al pari di altre, anche un ulteriore numero verde dedicato all’assistenza sinistri: 800 247 247

11): Compagnia assicurativa Quixa: 800 185 444 questo è il numero che si compone se si vuole essere richiamati

12: Compagnia assicurativa Fondiaria Sai: 800 551 144  questo è un numero verde dedicato all’assistenza clienti, anche per questa compagnia i numeri verdi sono due, il secondo è dedicato all’assistenza sinistri: 800 017 205

 

Perché i Numeri Verdi hanno tanta popolarità

Non solo per quanto riguarda il comparto assicurativo. I numeri verdi riscuotono questo successo anche dopo molti anni dalla loro nascita, per il fatto che sono dei numeri gratuiti per il chiamante grazie ai quali è possibile ricevere informazioni mirate e assistenza, tutto ciò costituisce inoltre anche una valida strategia di marketing.

Fornire assistenza e rispondere a singole domande su prodotti o su servizi è un modo giusto per coltivare la propria clientela o utenza e per dare, al tempo stesso, una ragione in più di scelta all’utenza.

IL PROBLEMA DEL MERCATO DEL LAVORO: GLI SCORAGGIATI 

La crisi del 2008 e quella successiva del debito del 2011 hanno portato l’economia mondiale a grossi sconvolgimenti sia sul lato della produzione e dei servizi. Questa situazione di riallocazione dei fattori produttivi ha portato a una situazione simile a quella della crisi del ’29 con tanta disoccupazione. Mentre la politica economica espansiva della Fed ha fatto riassorbire molto rapidamente la disoccupazione in Europa la situazione è molto critica con Paesi della parte sud con livelli in doppia cifra. Durante questo periodo di crisi però si sta manifestando un fattore nuovo, il fenomeno di persone che sarebbero disponibili a lavorare, ma non cercano e quindi inattivi, vengono definiti “scoraggiati”. Dall’ultimo studio di Eurostat, si vede come il paese con il maggior numero di “scoraggiati” in Europa è l’Italia. 
1.1. Evoluzione degli scoraggiati nella zona Euro

Nel nostro paese il numero degli scoraggiati è il più alto in Europa, con oltre 3,5 milioni di persone circa il 14% della forza lavoro nazionale contro una media europea del 4,7%. Nel complesso in tutta la zona Euro ci sono 11,4 milioni di potenziale di lavoro che potrebbe portare un grosso aumento di produttività e di crescita economica. La Germania ha solo il 2,4% a confronto del nostro 14% di scoraggiati sulla totalità della zona Euro. Questa differenza è causata da una politica attiva e sulla riforma del mercato del lavoro che negli anni sono stati attuati durante gli anni.  L’efficienza della riforma tedesca del piano Hartz proposta e attuata nel 2002 ha abbassato sia il tasso di disoccupazione sia a livello di stimolo per i lavoratori nella ricerca di lavoro. In Italia purtroppo le varie politiche del mercato non sono state ne efficaci e ne efficienti in quanto non si è lavorato sul come risolvere il problema ma solo per poterlo “tamponare” nel breve periodo tramite sussidi di disoccupazione. In Italia, forse solo il Jobs Act è il primo piano di riforme che va a riformare il mercato del lavoro nel lungo periodo attraverso la costituzione di centri dell’impiego che devono far incontrare domanda ed offerta di lavoro.
1.2. Forza lavoro potenziale dei Paesi Euro


Il vero problema degli scoraggiati è che, se queste persone incominciassero a cercare lavoro, il numero di disoccupati si innalzerebbe e di conseguenza il tasso di disoccupazione mettendo in crisi le politiche del mercato del lavoro. 

OSPECA 

F.MARINARO

TASSI NEGATIVI PER FAR RIPARTIRE LA CRESCITA ECONOMICA

“Se nuovi shock negativi dovessero offuscare l’outlook, oppure la variazione delle condizioni di finanziamento si rivelassero insufficiente a stimolare l’economia e l’inflazione, abbiamo ancora in serbo una riduzione dei tassi”.Queste sono le parole dette nell’ultimo meeting della BCE dal capo economista Peter Praet. I tassi nella zona Euro sono negativi ma le prospettive di crescita dell’inflazione rimangono basse intorno al 0,30% per tutto il 2016. Il nuovo piano della BCE che si inaugurerà il primo di giugno ha come obiettivo quello di aumentare l’inflazione e dare una spinta alla crescita economica di tutta la zona euro. La Banca centrale nel nuovo piano offrirà liquidità al mercato tagliando il tasso di rifinanziamento che passa da -0,3 a -0,4%, mentre tasso di rifinanziamento verrà portato allo zero. Per di più anche il tasso di rifinanziamento marginale, che governa i prestiti straordinari a brevissimo termine che le banche chiedono alla Bce, è stato tagliato allo 0,25% dallo 0,30%. Questo scenario però va contro il postulato che sta alla base della teoria economica, gli individui preferiscono consumare beni e servizi oggi che in futuro e da questo concetto che nasce il tasso di interesse positivo che renumera questa sacrifico di mancato consumo. Negli anni ’70, i tassi di interesse furono relegati in campo negativo per un periodo prolungato in quanto l’inflazione era superiore ai tassi di interesse nominali. La situazione attuale è molto simile a quella degli anni ’70 ma la differenza sostanziale sono le cause che hanno provocato questa caduta dei tassi. Negli anni ’70 l’aumento del prezzo del petrolio fu artefice dell’indebolimento della crescita economica, mentre oggi la mancanza di crescita è causata da elevati livelli di indebolimento e dai molteplici default del credito dovuti a una domanda stagnante. Una situazione parallela si è verificata durante la crisi del ’29, precisamente negli anni dal’29 al’33, e fu anche coniata l’idea di “denaro libero” in cui per evitare la stagnazione si cercava di indurre individui a consumare invece che risparmiare. Questa teoria si basava su l’idea di un tasso negativo sui depositi che faceva diminuire il valore e la quantità di denaro risparmiato. 

1.1. La velocità di circolazione di moneta negli USA.


La chiave per far ripartire i consumi e la crescita economica è la velocità di circolazione delle moneta che può essere stimolato solo da tassi negati di interesse spingendo gli individui a consumare.

OSPECA

F.MARINARO